Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore rene

Pembrolizumab riduce la mortalità nel tumore del testa-collo a cellule squamose, recidivante o metastatico


Pembrolizumab ( Keytruda ) ha significativamente ridotto il rischio di morte rispetto alla chemioterapia tra i pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo, ricorrente o metastatico, secondo i risultati dello studio in aperto di fase 3 KEYNOTE-040.

Anche se il limite di efficacia prespecificato non è stato raggiunto nello studio, l'anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab ha apportato miglioramenti nella sopravvivenza globale ( OS ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e nei tassi di risposta obiettiva per i pazienti con tumori esprimenti PD-L1.

La prognosi dei pazienti con carcinoma squamoso del testa-collo ricorrente o metastatico è generalmente sfavorevole con una sopravvivenza globale mediana compresa tra 6 e 12 mesi, a seconda dei fattori correlati al paziente e alla malattia.

In uno studio precedente di fase 1B, Pembrolizumab aveva mostrato una attività antitumorale e una tossicità gestibile nel carcinoma squamoso del testa-collo, ricorrente o metastatico.
Nello studio KEYNOTE-040 sono stati reclutati 495 pazienti da 97 Centri in 20 Paesi con carcinoma a cellule squamose della cavità orale, orofaringe, ipofaringe o laringe che hanno avuto recidiva o malattia progressiva dopo aver ricevuto un regime contenente Platino.

Sono stati assegnati casualmente 247 pazienti ( 83.8% maschi, età mediana 60 anni ) a Pembrolizumab 200 mg ogni 3 settimane per 24 mesi.
Gli altri 248 pazienti ( 82.7% maschi, età mediana 60 anni ) hanno ricevuto un farmaco a scelta del medico tra Metotrexato ( n=65 ), Docetaxel ( n=110 ) o Cetuximab ( n=73 ).

La randomizzazione è stata stratificata in base all'ECOG performance status di 0 o 1, stato di papillomavirus ( HPV ) ( p16 positivo vs negativo ) e punteggio TPS ( Tumor Proportion Score ) per PD-L1 ( 50% vs meno di 50% ).
Il trattamento è proseguito fino a confermata malattia progressiva o tossicità intollerabile.

La sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat ha rappresentato l'endpoint primario. Gli endpoint secondari hanno incluso la sopravvivenza globale nei pazienti con punteggio CPS ( Combined Positive Score ) per PD-L1 dell’1%, e sopravvivenza libera da progressione e tasso di risposta obiettiva ( ORR ) nelle popolazioni intent-to-treat e con punteggio CPS dell’1%.
Il limite di efficacia prespecificato per la sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat era unilaterale ( P=0.0175 ).

Al follow-up mediano di 7.3 mesi, è stato riportato un tasso di risposta più elevato ( 14.6% vs 10.1% ) e una risposta mediana più duratura ( 18.4 mesi vs 5 mesi ) nel gruppo Pembrolizumab. Inoltre, l'8.9% dei pazienti è rimasto in cura con Pembrolizumab rispetto allo 0.9% in cura con la chemioterapia.

Pembrolizumab ha prolungato la sopravvivenza globale nella popolazione intent-to-treat ( hazard ratio, HR=0.81 ), ma la differenza non ha raggiunto la significatività statistica ( P unilaterale=0.0204 ).

Non c'è stata differenza nella sopravvivenza libera da progressione ( 2.1 mesi per Pembrolizumab vs 2.3 mesi per la chemioterapia ).

Il tasso di risposta obiettiva è risultato più elevato con Pembrolizumab ( 14.6% vs 10.1% ).

Gli esiti di Pembrolizumab sono significativamente migliorati nei pazienti con tumori che esprimono PD-L1.

I pazienti con punteggio CPS per PD-L1 CPS pari o superiore all'1% avevano una sopravvivenza globale mediana di 8.7 mesi con Pembrolizumab rispetto a 7.1 mesi con la chemioterapia.
Quelli con un punteggio TPS per PD-L1 del 50% o superiore avevano una sopravvivenza globale mediana di 11.6 mesi con Pembrolizumab rispetto a 7.9 mesi con la chemioterapia.
Inoltre, il 12.5% dei pazienti nel braccio chemioterapia ha ricevuto in seguito trattamento immunoterapico, che ha potenzialmente influenzato la sopravvivenza globale.

L'incidenza degli eventi avversi correlati al farmaco di grado da 3 a 5 è stata del 13.4% con Pembrolizumab e del 36.3% con la chemioterapia.
Gli eventi avversi hanno portato a 4 morti nel gruppo Pembrolizumab ( 1.6% ) e 2 nel gruppo chemioterapico ( 0.9% ). ( Xagena2017 )

Fonte: ESMO - European Society for Medical Oncology, 2017

Onco2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro