Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
Controversies in Genitourinary Tumors

Pembrolizumab ha dimostrato una significativa attività clinica nel carcinoma a cellule squamose del testa-collo, in pazienti pesantemente pretrattati


I risultati preliminari di uno studio di fase 2, a singolo braccio, ha mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) ha conferito attività antitumorale clinicamente significativa nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivato o metastatico, che erano stati precedentemente trattati con Platino e Cetuximab ( Erbitux ).

Pembrolizumab in precedenza aveva mostrato promettente attività antitumorale nel tumore a cellule squamose del testa-collo ( HNSCC ) ricorrente o metastatico nello studio KEYNOTE-012.
Grazie a questi dati è stata valutata, in maniera più estesa, l'efficacia di Pembrolizumab in 172 pazienti che avevano manifestato progressione nonostante la terapia a base di Platino e Cetuximab.

L'analisi ha incluso i dati dei primi 50 pazienti arruolati ( età media, 59 anni; 80% maschi; l’84% aveva ricevuto in precedenza due o più linee di terapia per la malattia metastatica ).
Ulteriori dati aggiornati hanno incluso tutti i pazienti con almeno 6 mesi di follow-up ( n=92 ).

I pazienti avevano malattia misurabile e i punteggi di performance ECOG di 0 a 1. L’espressione di PD-L1 non era necessaria per l'arruolamento nello studio; tuttavia, sono state compiute biopsie per determinare una relazione tra l’espressione di PD-L1 e il beneficio del trattamento.

I pazienti hanno ricevuto 200 mg di Pembrolizumab ogni 3 settimane, per 2 anni o fino alla progressione della malattia.

L’endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Il periodo di follow-up è stato di 6.8 mesi.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.1 mesi e la sopravvivenza mediana globale è stata di 6 mesi.
Il 24% dei pazienti ha raggiunto sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi e il 65% ha raggiunto sopravvivenza globale a 6 mesi.

Nei primi 50 pazienti, l'ORR è stato del 18%, e comprendeva responder parziali. Un ulteriore 18% dei pazienti ha avuto una stabilizzazione della malattia ( IC 95%, 8.6-31.4 ).

Tra quelli con dati di follow-up per almeno 6 mesi, l'ORR è stato del 17% e comprendeva responder parziali; un ulteriore 19% dei pazienti ha raggiunto una stabilizzazione della malattia.

Quando i pazienti sono stati separati in base allo stato di HPV, i ricercatori hanno osservato un piccolo miglioramento nella ORR per i soggetti HPV-positivi rispetto ai pazienti HPV-negativi.
Tuttavia, questi sono dati troppo preliminari per trarre conclusioni.

I pazienti con espressione di PD-L1 hanno anche dimostrato un maggior tasso di risposta obiettiva ( 17% contro 8% ).

Il 54% dei pazienti ha presentato una diminuzione delle lesioni target.

Al momento dell’analisi dei dati, il tempo mediano alla risposta è stato di 2 mesi e il 75% dei pazienti è rimasto in risposta.

L'evento avverso più comune era la stanchezza ( 15% ).
La tossicità di grado 3-5 si è verificata nel 12% dei pazienti; un paziente è morto e il decesso era correlato al trattamento.

Tre pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi correlati al trattamento. ( Xagena2016 )

Fonte: Merck, 2016

Onco2016 Neuro2016 Med2016 Farma2016


Indietro