Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore polmone
Tumori testa-collo

Pembrolizumab ha dimostrato attività nel tumore del polmone a piccole cellule PD-L1-positivo


Dallo studio di fase 1 KEYNOTE-028, è emerso che Pembrolizumab ( Keytruda ) è apparso sicuro ed efficace nei pazienti con tumore al polmone a piccole cellule PD-L1-positivo, pretrattati.

Pembrolizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato altamente selettivo che si lega al recettore PD-1 e blocca direttamente l'interazione tra PD-1 e i suoi ligandi.

L'agente ha dimostrato una solida attività antitumorale con un profilo di sicurezza favorevole in una varietà di neoplasie.

Lo studio di fase 1b, in aperto, KEYNOTE-028, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Pembrolizumab nei pazienti con tumori PD-L1-positivi.

Un totale di 24 pazienti ( età media, 60.5 anni; uomini, 58.3% ) con carcinoma polmonare a piccole cellule di stadio esteso hanno ricevuto 10 mg/kg di Pembrolizumab ogni 2 settimane per 24 mesi fino a progressione della malattia, tossicità intollerabile, decisione del medico di interrompere il trattamento o ritiro del consenso.

La sicurezza, la tollerabilità e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) erano gli endpoint primari. Gli endpoint secondari includevano sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), sopravvivenza globale ( OS ), e durata della risposta.

Il follow-up mediano è stato di 9.8 mesi.

I ricercatori hanno riportato un tasso di risposta obiettivo del 33.3% ( IC 95%, 15.6-55.3 ): 1 paziente con risposta completa, 7 pazienti con risposte parziali e 1 paziente con malattia stabile per meno di 6 mesi.

Il tempo mediano di risposta è stato di 2 mesi e la durata mediana della risposta è stata di 19.4 mesi. Tre pazienti sono rimasti in trattamento con le risposte in corso al momento di cut-off dei dati.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 1.9 mesi ( IC 95%, 1.7-5.9 ); il 28.6% dei pazienti ha raggiunto la sopravvivenza libera da progressione a 6 mesi e il 23.8% a 12 mesi.

La sopravvivenza mediana globale è stata pari a 9.7 mesi ( IC 95%, 4.1 - non-raggiunta ), con un tasso a 6 mesi del 66% e un tasso a 12 mesi del 37.7%.

Tutti i pazienti hanno manifestato eventi avversi, tra cui astenia ( n=7 ), stanchezza ( n=7 ), tosse ( n=6 ), artralgia ( n=5 ), diarrea ( n=5 ), insonnia ( n=5 ) e rash cutaneo ( n=5 ).

Otto pazienti ( 33.3% ) hanno manifestato eventi avversi di grado 3-5, due dei quali sono stati considerati trattamento-correlati. ( Xagena2017 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2017

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro