Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Tumore polmone

Pembrolizumab estende la sopravvivenza nel cancro uroteliale ricorrente e avanzato


Uno studio di fase III ha mostrato che l'immunoterapico Pembrolizumab ( Keytruda ) ha significativamente prolungato la sopravvivenza globale mediana rispetto alla chemioterapia tra i pazienti con tumore uroteliale ricorrente e avanzato.

Hanno preso parte allo studio in aperto KEYNOTE-045 542 pazienti con tumore uroteliale, istologicamente o citologicamente confermato, che erano progrediti dopo la terapia a base di Platino.
I pazienti eleggibili erano stati sottoposti a due precedenti linee di terapia sistemica, avevano una malattia misurabile e presentavano performance status ECOG da 0 a 2.

I ricercatori hanno assegnato casualmente 270 pazienti all'anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab al dosaggio di 200 mg ogni 3 settimane.
Gli altri 272 pazienti hanno ricevuto chemioterapia scelta dallo sperimentatore. Le opzioni erano: Paclitaxel 175 mg/m2 ogni 3 settimane, Docetaxel 75 mg/m2 ogni 3 settimane, o Vinflunina 320 mg/m2 ogni 3 settimane.

Gli endpoint primari erano: sopravvivenza globale ( OS ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
Gli endpoint secondari includevano tasso di risposta obiettiva (( ORR ) e sicurezza.

I ricercatori hanno valutato l'efficacia in tutti i pazienti, nonché in quelli con punteggio CPS per PD-L1 del 10% o superiore.

I risultati iniziali hanno mostrato che il trattamento con Pembrolizumab era associato a una significativamente più lunga sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia scelta dallo sperimentatore.

Dopo un follow-up mediano di 22.5 mesi, i ricercatori hanno riportato significativamente maggiore sopravvivenza globale mediana tra i pazienti assegnati a Pembrolizumab ( 10.3 mesi versus 7.4 mesi; HR = 0.7; P = 0.0003 ).
I pazienti trattati con Pembrolizumab, che hanno soddisfatto la soglia di espressione di PD-L1, hanno presentato una significativamente più lunga sopravvivenza globale mediana ( 8 vs 5.2 mesi; HR = 0.58; P = 0.003 ).

I tassi di sopravvivenza globale a 18 mesi sono stati: 33.2% ( IC 95%, 27.5-38.9 ) con Pembrolizumab e 19.7% ( IC 95%, 14.7-24.8 ) con chemioterapia.

I ricercatori non hanno riportato alcuna differenza significativa nella sopravvivenza libera da progressione mediana tra i gruppi ( 2.1 vs 3.3 mesi; HR = 0.96 ).

Una percentuale più elevata di pazienti trattati con Pembrolizumab ha raggiunto una risposta ( 21.1% vs 11% ); la durata mediana della risposta è stata più lunga nel gruppo Pembrolizumab ( non-raggiunto versus 4.4 mesi ).

I pazienti trattati con la chemioterapia hanno mostrato una più alta probabilità di andare incontro a eventi avversi di qualunque grado ( 90.6% vs 62% ), nonché eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore ( 50.2% vs 16.5% ). ( Xagena2017 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Meeting, 2017

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro