Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
OncoGeriatria
OncoPneumologia

Ottima risposta alla terapia anti-PD-1 in un paziente con carcinoma epatocellulare


Il carcinoma epatocellulare, anche noto come epatocarcinoma, è un tumore aggressivo associato a una elevata mortalità in tutto il mondo. Si sviluppa nell'ambito della cirrosi dovuta a malattia epatica cronica.

La chirurgia è di solito considerato il trattamento di scelta per la malattia in fase precoce; tuttavia, la maggior parte dei pazienti presenta epatocarcinoma localmente avanzato o metastatico alla diagnosi, nel cui caso i trattamenti sono limitati.

Il blocco del checkpoint immunitario del percorso del recettore di morte programmata 1 ( PD-1 ) offre una potenziale strategia di trattamento basata sui risultati incoraggianti dello studio di fase I/II con Nivolumab ( Opdivo ), Checkmate 040.
Questo ha portato all'utilizzo off-label di Nivolumab dopo il fallimento del trattamento con Sorafenib dovuto a intolleranza o a progressione della malattia.

Sebbene rara ( meno del 5% ), la risposta clinica a Nivolumab, un anticorpo anti-PD-1, può essere preceduta da una pseudoprogressione, cioè aumento della dimensione e del numero di lesioni tumorali prima della riduzione effettiva del tumore.

E' stato riportato un caso di pseudoprogressione seguita da una risposta eccellente in un paziente con epatocarcinoma trattato con Nivolumab, e è stata rivista la letteratura per gli studi in corso di blocco del checkpoint immunitario nel carcinoma epatocellulare.

La pseudoprogressione in questo caso è supportata dall'aumento della dimensione del tumore e dell'alfa-fetoproteina ( AFP ) dopo quattro trattamenti con Nivolumab; tuttavia, dopo i trattamenti successivi si è verificata la regressione della dimensione del tumore e la normalizzazione dei livelli di AFP.

Secondo le attuali conoscenze, non ci sono segnalazioni di pseudoprogressione nell'epatocarcinoma, sebbene la pseudoprogressione sia stata ben descritta nel melanoma. ( Xagena2017 )

Mamdani H et al, Discov Med 2017; 23: 331-336

Onco2017 Gastro2017 Farma2017


Indietro