Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziana con Carcinoma Mammario
Tumore Mammella

Nivolumab per il linfoma di Hodgkin classico dopo trapianto e fallimento di Brentuximab vedotin


Uno studio di fase 2 ha mostrato che Nivolumab ( Opdivo ) è stato in grado di indurre risposte nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico che hanno progredito dopo trapianto di cellule staminali ematopoietiche autologhe e il trattamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ).
E’ stato anche riscontrato un profilo di sicurezza accettabile con Nivolumab.

Per i pazienti che progrediscono dopo trapianto autologo e trattamento con Brentuximab vedotin, non esistono attualmente opzioni di trattamento standard.

L'analisi ha incluso i dati di 80 pazienti ( età media, 37 anni; range: 28-48; mediana di precedenti terapie, 4 ) che hanno ricevuto 3 mg/kg di Nivolumab per via endovenosa nell’arco di 60 minuti ogni 2 settimane per un massimo di 6 mesi, o fino a progressione, morte o tossicità inaccettabile.

Il follow-up mediano è stato di 8.9 mesi ( range: 7.8-9.9 ).

Un totale di 53 pazienti ha raggiunto una risposta oggettiva confermata in modo indipendente, con conseguente ORR del 66.3% ( IC 95%, 54.8-76.4 ).

Sette pazienti hanno raggiunto una remissione completa e 46 pazienti hanno raggiunto una remissione parziale.
Tutti tranne un responder hanno presentato una riduzione del tumore di almeno il 50%.

I responder avevano un tempo mediano alla prima risposta obiettiva di 2.1 mesi ( range: 1.9-3 ).

Undici responder ( risposta completa, n = 1; risposta parziale, n = 10 ) hanno sperimentato malattia progressiva dopo una durata mediana di risposta di 7.8 mesi ( IC 95%, 6.6-non raggiunta ).

Il tasso a 6 mesi di sopravvivenza libera da progressione è stato pari al 76.9% ( IC 95%, 64.9-85.3 ) e quello della sopravvivenza globale è stato del 98.7% ( IC 95%, 91-99.8 ).

Un totale di 51 pazienti ( 64% ) erano in trattamento al momento di questa analisi.

Gli eventi avversi comunemente osservati hanno compreso: affaticamento ( 25% ), reazioni correlate all'infusione ( 20% ) e rash ( 16% ).
Gli eventi avversi di grado 3 o 4 includevano: neutropenia ( 5% ), e aumento delle concentrazioni di lipasi ( 5% ).
Il più comune grave evento avverso di qualsiasi grado è stata la piressia ( 4% ).

Tre pazienti sono deceduti durante lo studio, anche se i decessi non sono stati considerati correlati al trattamento.

Secondo gli Autori, più lunghi follow-up sono necessari per valutare la durata del tempo di risposta. ( Xagena2016 )

Fonte: The Lancet, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro