Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
Controversies in Genitourinary Tumors
Tumori testa-collo

L'immunoterapia a base di Listeria migliora la sopravvivenza nel cancro della cervice uterina metastatico


La sopravvivenza globale nel cancro della cervice ricorrente, metastatico, è risultata estesa con un approccio immunoterapico a base di Listeria che ha come bersaglio il papillomavirus umano ( HPV ).
I dati dello studio sono stati presentati al Meeting SGO ( Society of Gynecologic Oncology ).

Delle 50 pazienti valutabili, 19 erano vive a 12 mesi; questo si traduce in un tasso complessivo di sopravvivenza a 12 mesi del 38% per il trattamento con Axalimogene filolisbac.

Tra i 20 recenti studi condotti dal gruppo GOG ( Gynecologic Oncology Group ), questo è il primo a produrre un tasso di sopravvivenza superiore al 30% a 12 mesi per le pazienti con un tumore della cervice in fase avanzata.

Lo studio è stato condotto in 12 Centri oncologici degli Stati Uniti.

I ricercatori hanno osservato che la sopravvivenza globale è risultata migliorata in misura maggiore del 50%, rispetto alla sopravvivenza prevista in questa popolazione di pazienti.
Questa è la sopravvivenza massima a 12 mesi, finora dimostrata, per le pazienti con tumore del collo dell’utero, ricorrente, metastatico.

I risultati sono paragonabili a quelli ottenuti con Bevacizumab ( Avastin ) in GOG-227C.
In quello studio il tasso di sopravvivenza a 12 mesi del 30% ha portato all'approvazione di Avastin come trattamento di prima linea in combinazione con la chemioterapia nel tumore del collo dell’utero in forma avanzata.

I dati dello studio con Axalimogene filolisbac sono ancora più significativi per il fatto che circa la metà dei pazienti aveva ricevuto in precedenza Bevacizumab.

Axalimogene filolisbac è costituito da Listeria monocytogenes, viva, attenuata, progettata per secernere la proteina HPV16, fusa con un frammento tronco della listeriolisina O, una emolisina.
Il coniugato ha come bersaglio le cellule trasformate da HPV; induce l'immunità antitumorale mediata dalle cellule T, e ostacola la tolleranza immunitaria nel microambiente tumorale.

Hanno preso parte allo studio GOG-0265 pazienti con tumore della cervice, metastatico, precedentemente trattato.
Più della metà delle pazienti aveva ricevuto in precedenza almeno due terapie, oltre al trattamento iniziale a intento curativo.
Le pazienti sono state trattate in monoterapia con tre dosi di Axalimogene filolisbac, somministrate a distanza di un mese.

La sopravvivenza complessiva ( endpoint primario ) è stato pari al 38% a 12 mesi, superando il benchmark prestabilito di oltre il 50%.
Nei sottogruppi, la sopravvivenza a 12 mesi è stata del 44% tra le pazienti che erano state infettate con il sottotipo HPV16 e del 41% per quelle con infezione da HPV18.

Gli eventi avversi più comuni sono stati: stanchezza ( 52% ), brividi ( 52% ), anemia ( 48% ), nausea ( 32% ) e febbre ( 30% ).
L'evento di grado 3-4 più comune è stata l'anemia, che si è verificata in 5 pazienti valutabili ( 10% ).

Axalimogene filolisbac è attualmente in valutazione in altri due tipi di cancro associati al papillomavirus: tumore del testa-collo e cancro anale. ( Xagena2017 )

Fonte: ASCO, 2017

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro