Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
ForumOncologico

L'aggiunta dell'immunoterapico Pembrolizumab alla chemioterapia migliora i risultati nel tumore al polmone non-a-piccole cellule, non-squamoso, in fase avanzata


L'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) a Pemetrexed e Carboplatino come terapia di prima linea ha aumentato la sopravvivenza e ha migliorato i tassi di risposta tra i pazienti precedentemente non-trattati con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), non-squamoso, in fase avanzata.

Lo studio di fase II, in aperto, randomizzato, KEYNOTE-021, ha incluso 123 pazienti con tumore NSCLC non-squamoso di stadio IIIB/stadio IV, che non avevano ricevuto alcuna terapia sistemica in precedenza e non avevano alcuna mutazione EGFR o traslocazione ALK.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 1: 1, a 4 cicli di Carboplatino AUC ( area sotto la curva ) 5 più Pemetrexed 500 mg/m2 ogni 3 settimane con o senza terapia anti-PD-1, Pembrolizumab al dosaggio di 200 mg ogni 3 settimane.

Sessanta pazienti ( età mediana, 62.5 anni ) hanno ricevuto il regime Pembrolizumab e chemioterapia, mentre 63 pazienti ( età mediana, 66 anni ) hanno ricevuto solo chemioterapia.

I pazienti assegnati al regime con Pembrolizumab che sono andati incontro a progressione radiologica potevano passare alla sola monoterapia con Pembrolizumab.

L'analisi iniziale dello studio KEYNOTE-021 è stata eseguita dopo un follow-up mediano di 10.6 mesi; la combinazione di Pemetrexed, Carboplatino e Pembrolizumab ha prodotto un significativo miglioramento nel tasso di risposta obiettiva [ ORR ] ( 55% vs 29%; P = 0.0016 ) e sopravvivenza libera da progressione [ PFS ]( HR=0.53; P = 0.01 ) rispetto al solo trattamento chemioterapico ( Pemetrexed e Carboplatino ).
Il miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) ( HR=0.9 ) per il regime Pembrolizumab non era statisticamente significativo.

Al follow-up mediano di 14.5 mesi, l'hazard ratio per la sopravvivenza globale è risultato migliorato a 0.69 ma non era ancora statisticamente significativo.

Sono stati presentati i dati dopo un follow-up di 18.7 mesi. I pazienti assegnati alla tripla terapia ( Pembrolizumab più chemioterapia ) avevano raggiunto un ORR significativamente più alto ( 56.7% versus 31.7%; P = 0.0029 ).
Una percentuale significativamente più elevata di pazienti assegnati al regime Pembrolizumab è rimasta libera da progressione ( 52% vs 29%, P = 0.0067 ).

Il tasso di sopravvivenza globale a 18 mesi è stato del 70% con Pembrolizumab e del 56% per il solo regime chemioterapico.
L'hazard ratio per la sopravvivenza globale è ulteriormente migliorato a 0.59 ( IC 95%, 0.34-1.05 ).

L'incidenza di tossicità di grado 3-5 è stata superiore nei pazienti assegnati al regime Pembrolizumab ( 41% versus 18% ). ( Xagena2017 )

Fonte: ESMO - European Society for Medical Oncology, 2017

Pneumo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro