Controversies in Genitourinary Tumors
Paziente Anziano con neoplasia polmonare
ForumOncologico

Adenocarcinoma gastrico avanzato: efficacia di Pembrolizumab da solo o in combinazione con la chemioterapia


I dati dello studio KEYNOTE-059 hanno mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) presenta una promettente attività da solo o in combinazione con la chemioterapia nei pazienti con adenocarcinoma gastrico e della giunzione gastroesofagea in forma recidivante o metastatica, pretrattato.

La maggior parte dei pazienti con cancro gastrico metastatico sopravvive meno di un anno.

Lo studio KEYNOTE-059 ha valutato l'immunoterapico Pembrolizumab in tre gruppi di pazienti con tumore gastrico metastatico pretrattato.
Pembrolizumab è stato somministrato al dosaggio di 200 mg ogni 3 settimane per un massimo di 2 anni.

La prima coorte era costituita da 259 pazienti con malattia metastatica che precedentemente erano stati sottoposti a due o più linee di chemioterapia. Questi pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab in monoterapia.

La seconda coorte comprendeva 25 pazienti con malattia metastatica di nuova diagnosi. Essi hanno ricevuto come prima linea Pembrolizumab assieme alla chemioterapia, che consisteva di Cisplatino 80 mg/m2 il primo giorno, più 5-Fluorouracile 800 mg/m2 nei giorni da 1 a 5 ogni 3 settimane.
I pazienti in Giappone hanno ricevuto solo Capecitabina 1000 mg/m2 due volte al giorno.

La terza coorte comprendeva 31 pazienti con malattia metastatica di nuova diagnosi, che hanno ricevuto Pembrolizumab, in monoterapia, come trattamento di prima linea.

La sicurezza in tutte e tre le coorti, così come i tassi di risposta obiettiva ( ORR ) nella prima e terza coorte, sono serviti come endpoint primario.
L'ORR nella seconda coorte, così come durata della risposta, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) in tutte le coorti, servivano come endpoint secondari chiave.

Nella prima coorte, dopo un follow-up mediano di 6 mesi ( range da 1 a 25 mesi ), il tasso di risposta oggettiva tra i pazienti pretrattati che hanno ricevuto Pembrolizumab in monoterapia è stato del 12% ( IC 95%, 8-17 ). Molte risposte sono apparse durevoli.

I pazienti i cui tumori esprimevano PD-L1 avevano una probabilità superiore a due volte di ottenere una risposta obiettiva rispetto a quelli i cui tumori non esprimevano PD-L1 ( 16% versus 6% ).

Diciotto pazienti hanno sperimentato eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 e 5, e il 3% ha interrotto il trattamento per questo motivo.

Nella seconda coorte, dopo follow-up mediano di 14 mesi ( range da 2 a 24 mesi ), i ricercatori hanno riportato, complessivamente, un ORR confermato del 60% ( IC 95%, 39-79 ), del 73% ( IC 95%, 45- 92 ) tra quelli con malattia PD-L1-positiva e del 38% ( IC 95%, 9-76 ) in quelli con malattia PD-L1-negativa.

Nella terza coorte, i ricercatori hanno riportato un ORR del 26% ( IC 95%, 12-45 ).

I ricercatori hanno riportato una mediana di sopravvivenza libera da progressione di 2 mesi ( IC 95%, 2-2 ) nella prima coorte, 7 mesi ( IC 95%, 6-11 ) nella seconda coorte e di 3 mesi ( IC 95%, 2-6 ) nella terza coorte.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 6 mesi ( IC 95%, 4-7 ) nella prima coorte, 14 mesi ( IC 95% CI, 9-non definito ) nella seconda coorte e non-raggiunto ( IC 95%, 9-21 ) nella terza coorte.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3-5 si sono verificati in 46 pazienti ( 18% ) nella prima coorte, in 19 pazienti ( 76% ) nella seconda coorte e in 7 pazienti ( 23% ) nella terza coorte.

Gli eventi avversi correlati al trattamento hanno causato la sospensione in 7 pazienti ( 3% ) nella prima coorte e in 3 pazienti ( 12% ) nella seconda coorte.
Sono stati registrati 2 casi ad esito fatale ( 1% ) nella prima coorte e 1 decesso ( 3% ) nella terza coorte.

Non esiste alcun livello di cura per il trattamento di terza linea o successivamente del tumore gastrico metastatico. ( Xagena2017 )

Fonte: European Society for Medical Oncology - ESMO, 2017

Gastro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro